Impostazioni iniziali

In questa schermata l’utente dovrà inserire le seguenti informazioni:

  • la data dell’ultima situazione di cui si dispone;
  • gli anni di previsione da considerare, fino ad un massimo di 11;

  • l’eventuale mensilizzazione dei costi e dei ricavi anche per il secondo anno di PREVISIONALE. I costi ed i ricavi del primo anno risulteranno sempre essere mensilizzati. Ad esempio: ho una situazione economico-finanziaria aggiornata al 15/03/2019, i costi ed i ricavi del primo anno di previsionale risulteranno essere mensilizzati fino al 31/12/2019. Flaggando su “SECONDO ANNO MENSILIZZATO, la mensilizzazione giungerà fino al 31/12/2020.
  • se si tratta di una Società immobiliare. Nel caso di Società immobiliare, per gli investimenti in Terreni e Fabbricati i beni non verranno iscritti tra le immobilizzazioni, bensì tra le rimanenze di prodotti finiti e inoltre saranno registrati a Conto Economico i relativi costi di acquisizione (tra i costi per l’acquisto di materie prime, di consumo e merci);
  • Anno commenti automatici, è necessario indicare l’anno rispetto al quale si vuole che il software effettui i commenti testuali sulla performance. Ad esempio, imputando l’anno 2020 i commenti saranno effettuati sull’analisi della performance del 2020 rispetto all’ anno precedente, ossia il 2019.

Il software utilizza un modello estremamente sofisticato e preciso che permette il calcolo automatico delle imposte previsionali:

  • Versamento IVA a debito dell’anno
  • Versamento imposte IRES/IRAP
  • Variazioni in aumento/(diminuzione) IRES
  • Variazioni in aumento/(diminuzione) IRAP

Il software richiede preliminarmente alcune informazioni relative al calcolo:

  • Nella cella Quota perdite riportabili è necessario indicare la quota di eventuali perdite pregresse che risulta ancora deducibile ai fine IRES/IRAP;
  • Le aliquote IRES/ IRAP.

Inoltre, per ciascun anno del periodo previsionale, è possibile prevedere o meno il versamento delle imposte (IRES, IRAP, IVA) che il software avrà determinato. Nel caso in cui si scelga di non versare le imposte, gli importi non pagati saranno registrati di volta in volta tra i debiti tributari. Se in un determinato anno si sceglie di non versare le imposte ed in uno dei successivi si opta invece per provvedere al versamento, in questo ultimo anno il software determinerà il versamento anche delle imposte non pagate in precedenza.

L’utente ha infine la possibilità, se lo ritiene opportuno, di intervenire manualmente rispetto all’imponibile determinato dal software inserendo liberamente degli importi in variazione (in aumento o in diminuzione secondo la normativa fiscale) nelle relative celle anno per anno. Sarà necessario inserire le variazioni in aumento con il segno positivo e le variazioni in diminuzione con il segno negativo. In tal modo il modello di calcolo è reso flessibile e l’utente può controllarne i risultati in maniera diretta.

N.B: Scaricando il report in formato Word o in PDF dal simbolo in alto a destra  “Scarica Risultati”, i dati, gli indici ed i valori saranno riportati sempre su base annua. Altresì, sarà opportuno scaricare i risultati in formato Excel per ottenere il dettaglio del previsionale mensilizzato o scaricare i dati di input. 

Questa guida è stata utile?

0